PS.COM Pallavolo Scavolini Volley La corsa finisce qui
La corsa finisce qui
Scritto da Redazione PesaroSport @pesarosport
Venerdì 28 Giugno 2013 2 Commenti Stampa
Nessuna sorpresa dell'ultimo minuto e triste stop per la Robur che non si iscrive al campionato di A1 2013/14. Tre scudetti e tanti altri successi nella storia della società biancorossa
La Robursport Pesaro non sarà al via del prossimo campionato di A1. Tutto ciò dopo dieci stagioni in massima serie, nelle quali la società pesarese ha vinto tutto quel che c’era da vincere (tre scudetti, una Coppa Italia, quattro Supercoppe Italiane e, in Europa, una Cev Cup e una Challenge Cup) tranne la Champions League (nella quale ha raggiunto la qualificazione alle Final Four nel 2011), e stabilito un record assoluto di vittorie consecutive in partite ufficiali (42, dal 2 aprile 2008 al 1° marzo 2009), nonché qualificandosi ai play-off per nove anni di fila. Nel palmares figurano anche una Coppa Italia di A2 e quattro trofei nel Sand volley (il Grande Slam messo a segno nel 2009 e la Supercoppa italiana vinta nel 2011).
“Siamo molto dispiaciuti per questo epilogo” spiega il presidente Giancarlo Sorbini. “Ci abbiamo provato sino all’ultimo, sperando sempre di potercela fare a proseguire questa splendida avventura per la nostra città. Purtroppo non è stato possibile raggiungere un budget minimo, e non ci siamo sentiti di azzardare un’iscrizione che, non poggiando su risorse sicure, sarebbe stata una decisione irresponsabile. Nei prossimi giorni faremo il punto, per verificare se sarà possibile non far sparire completamente il volley di vertice da Pesaro. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno sostenuto: sono stati dieci anni meravigliosi”.

Comments  

0 #2 LANFRANCO UGOLINI
30-06-2013 13:36
una domanda che mi sono sempre fatto e che rivolgo a Giancarlo Sorbini, che conosco sin da ragazzi : come può uno sponsor essere invogliato se un campionato dura da settembre a marzo per buona parte delle squadre, meno poche che lo prolungano per play off infiniti.
Alcune squadre poi partono a settembre rimaneggiate delle nazionali.
Lo spettacolo dove è ? Non dico di arrivare alle squadre del calcio, ma sono dell'idea che se non dai "visibilità" al prodotto da promuovere/sponsorizzare le aziende si dirottano su altre forme di pubblicità/sponsorizzazioni.
Crisi grave in atto a parte.
0 #1 MAURO TURCO
29-06-2013 14:11
r.i.p.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna