PS.COM Pagina3 Sport Una strana Copa America
Una strana Copa America
Scritto da Alan Palombi @alanpalombi
Domenica 10 Luglio 2011 0 Commenta Stampa
Continuano le sorprese in Copa America anche nel secondo turno della fase a girone. Fanno notizia i pareggi di Argentina, Uruguay e Brasile mentre sorprendono le vittorie di Costarica, Perù e Venezuela che di fatto strappano già il biglietto per i quarti. Resta solo da determinarne la posizione. Rispetto alla prima giornata, si registra un pareggio in meno, 3 le vittorie ed altrettanto i pari in 6 gare disputate. In aumento anche le reti segnate, 10 nella seconda giornata rispetto alle 8 del turno precedente. Venezuela e Colombia sono le uniche formazioni con la porta inviolata, Messico ed Bolivia invece le difese più violate (3 gol subiti per entrambe). Il miglior attacco del torneo dopo 180 minuti è quello del Cile che con 3 reti all'attivo ha una media di un gol ogni ora di gioco, nonostante tutte le reti cilene siano state realizzate nei secondi tempi. L'Ecuador è in contrario l'unica formazione delle 12 ancora a secco di gol dopo due gare. Due le espulsioni della giornata, entrambe ai danni della Bolivia che chiude in 9 la sfida contro il Costarica.

Proprio la vittoria dei costaricani è la maggior sorpresa del girone A che vede in testa alla classifica a quota 4 punti un'altrettanto stupefacente Colombia. I padroni di casa dell'Argentina, sempre più in crisi e con un Messi irriconoscibile, inciampano in un altro pareggio dopo quello della prima giornata contro la Bolivia. Il big match contro la Colombia finisce senza reti ma con tanti fischi per i beniamini di casa. I tre punti conquistati dal Costarica, che si impone per 2-0 sulla Bolivia, complicano i piani di qualificazione dell'albiceleste, costretta a vincere nell'ultima sfida dei gironi contro i panamericani per non rischiare brutte sorprese. Per l'allenatore argentino Battista non ci sono comunque dubbi, i suoi arriveranno in finale!

Situazione simile anche nel girone B che vede il sorprendente Venezuela al primo posto con 4 punti mentre il Brasile in difficoltà ed in crisi di gioco e risultato. Contro il Paraguay i verdeoro rischiano la disfatta dopo essere passati in vantaggi. Soltanto al 90' i brasiliani sono riusciti ad acciuffare un punticino che vale tantissimo viste le due grandi ingenuità difensive di Lucio & Co. Basta una rete, invece, al Venezuela per aggiudicarsi il match contro l'Ecuador e qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta per la prima volta nella sua storia. Nell'ultima giornata del girone eliminatorio il Brasile avrà vita facile contro l'Ecuador che nonostante i cattivi risultati ottenuti fin'ora non è ancora esclusa matematicamente ed una vittoria con un buon scarto di reti potrebbe portarla nei quarti. Possibile ma estremamente improbabile. Meno scontata sarà la partita tra Venezuela e Paraguay con quest'ultimi favoriti ma attenzione ai Vintinto venezuelani, rivelazione del torneo fino a questo puto.

Cammino complicato in questa Copa America anche per l'Uruguay che nel big match contro il Cile non riesce a mantenere il gol di vantaggio realizzato ad inizio ripresa. El nino maravilla Alexis Sanchez rimette in parità il risultato mettendo al sicuro il passaggio del turno. A quota 4 punti come i cileni c'è anche il Perù che con Guerrero (capocannoniere con due reti) liquida di misura un Messico intraprendente ma troppo acerbo. I prossimi impegni, quelli decisivi, metteranno una di fronte all'altra le due capoliste, Cile e Perù, mentre l'Uruguay di Cavani e Diego Forlan affronteranno il Messico. Per la Celeste la vittoria è l'unico risultato che assicurerebbe il passaggio del turno, con il pareggio dovrebbero essere ripescati come terza mentre saluterebbero il torneo in caso di sconfitta. Insomma, poca qualità in questa edizione argentina della Copa America che però riserba tante sorprese.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna