PS.COM Pagina3 Moda Il titolo non mi convince (speciale polo)
Il titolo non mi convince (speciale polo)
Scritto da Gh¥gno
Mercoledì 28 Luglio 2010 0 Commenta Stampa
canizares.jpgBuongiorno cari ascoltatori proletari. Passata bene questa prima parte d'estate? Sfruttato il volgare ombrellone nella calca corredata da bambini urlanti, donnine svampite da costumi orribili che cercano gli ultimi colpi, uomini con la panza sudaticci ed altri ameni personaggi? Vabbè, vi capisco, non tutti possono permettersi le Bahamas e yacht regali da 50 metri e quindi è giusto accontentarsi. Ma ora proviamo a cambiare discorso e diamo un'occhiata al vestiario estivo per eccellenza, la polo, stilando una classifica delle varie griffe presenti sul mercato. Ci ha provato pure il prestigioso quotidiano "La Repubblica" la scorsa settimana ma il sottoscritto sa fare molto di meglio (nel frattempo saluto il mio amico Gianni Clerici che ha appena compiuto 80anni).
- Lacoste: la 1212 ha fatto la storia, questo è sicuro ma il coccodrillo (ed il suo bottone in madreperla) non mi conquista più come prima. Voto 6 (di stima).
- Izod: marchio americano della Phillips-Van Heusen Corporation (proprietaria di Tommy Hilfiger e Calvin Klein). Voto 6.5
- Jacob Cohen: da Pontelongo (Padova) soprattutto superlativi pantaloni in denim ma anche maglieria elegantemente rifinita. Voto 7+
- Etiqueta Negra: sul loro sito ci trovi il giocatore di polo. Può bastare ed avanzare.
- Slam: diciamo subito che veste l'equipaggio di BMW Oracle (Larry Ellison rulez). Aggiungiamo poi che il loghetto piazzato sotto il bottone è un bel bijoux. Voto 7.5
- Fred Perry: dove ti giri vedi l'alloro. Visto che qua si odia la maggioranza si raggiunge il 6 di stima ma non si va oltre.
- Fred Perry by Raf Simons: si sale di livello con lo stilista belga che ridisegna le polo primavera/estate 2010. Slim fit perfetto e colori fluo azzecatissimi. Voto 8.5
- Fay: si parlerebbe di casa Della Valle (con Luca Cordero nel consiglio di amministrazione). Pulite, eleganti, dettagli azzeccati. Voto 7+
- Downtown Arts District: il vintage, la strada come filosofia di vita, accostamenti di colore audaci. Voto 6.
- Gant: prevalgono le righe orizzontali. Gli occhi si intrecciano, serve un'oculista.
- La Martina: vedasi sopra Etiqueta Negra.
- Ralph Lauren: idem.
- Harry & sons: collezione dove il rugby (molto meglio del polo) la fa da padrone. Non sempre ci convincono gli abbinamenti cromatici.
- Penguin: la serie "The Earl" è straripante. Piquet comodissimo, dettagli sul collo e sulle maniche da Lord Brummel, prezzi non alle stelle per un marchio americano che sta ritrovando la retta via. Meravigliose. Sfila per noi il golfista spagnolo Alejandro Canizares che indossa con buona eleganza la shirt color "cardinal".  Voto 9.

Il solito saluto dal vostro maestro di stile preferito che Vi vuole aprire la mente con queste azzeccate parole di Roman Abramovich: "Il business è uno sport che alla fine stanca. Ho ottenuto un certo successo, ma in fondo dedicarsi esclusivamente agli affari non è interessante."
Alla prossima, un bacione.
Gh¥gno

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna