PS.COM Basket Victoria Libertas Varese beffata. Pesaro non molla
Varese beffata. Pesaro non molla
Scritto da Matteo Fattori @Matt_Fatt
Domenica 03 Dicembre 2017 0 Commenta Stampa
Vuelle avanti tutta la partita contro arese, si fa ragigungere nel finale, ma una tripla rocambolesca di Moore condanna l'ex Caja e fa sognare Pesaro

PESARO – L'arrivo di Kuksiks (ex di turno) e lo scontro salvezza, rendevano questa Pesaro-Varese, gara tra nobili decadute, molto più che importante per entrambe e ad uscire con i due punti in tasca è Pesaro, che governa per tutta la partita, salvo farsi rimontare nel finale e deciderla poi con un canestro incredibile di Dallas Moore, il suo uomo migliore, a un secondo dalla fine. Toccante il ricordo ad inizio gara per Gianluca Mattioli, arbitro pesarese prematuramente scomparso una settiimana fa. Tifosi e società si stringono alla famiglia in un unici e interminabile applauso di tutta l'arena pesarese. Il primo quarto è equilibrato: Mika subisce la fisicità di Pelle, ma Bertone non perde la bussola in attacco. Kuksiks esordisce a 4'34” sul 11-11 e piazza subito la tripla. Vuelle avanti di 6 punti a 1'11”, vantaggio che cresce di poco al termine del primo quarto: 22-15. Ancora una buona Pesaro nel secondo periodo: Kuksiks si inserisce subito nei giochi, mentre Ancellotti e Monaldi non fanno rimpiangere i titolari. Qualche palla persa di troppo induce Leka a mischiare le carte. Ceron e Moore escono alla distanza e danno a Pesaro il massimo vantaggio: 35-25 a 3'37”. Mika è alla terza stoppata subita da Pelle, ma i biancorossi vanno, grazie a Omogbo e Ceron. Il capitano si accende su una contesa con lo stesso Pelle al termine del primo tempo: 40-27. Doppio tecnico e tutti a bere un the caldo. Okoye prova lo strappo per Varese, ma Omogbo e Moore tengono tutto sotto controllo. La Vuelle però si rilassa, le urle di Leka durante il tiime-out sono inequivocabili. I padroni di casa mantengono 10 punti di vantaggio (56-46) al termine del terzo quarto di gioco. Avramovic (che già l'anno scorso fu il castigatore di Pesaro) spaventa tutti con la tripla del -7. Pesaro è frastornata. Waller centra la tripla del -3 (59-56). Walls chiude il cerchio col 2+1 che dà il pareggio. Moore scaccia i fantasmi da tre punti, ma ora è battaglia aperta. Caja gioca con un quintetto piccolissimo, col solo Cain da torre. 64-63 a 1'55”. Omogbo dal fondo del secchio della spazzatura trova un preziosissimo 2+1, che però Ceron vanifica facendo fallo sulla tripla di Okoye. A 50” è ancora parità 69-69, sempre con Okoye, che però nell'azione successiva esce per cinque falli. Sul 71-71 Moore segna allo scadere un rocambolescono canestro di tabellone. Ma manca ancora 1' e 78 decimi. Varese non riesce a segnare e Pesaro coglie nel tripudio dei tifosi la terza importantissima vittoria in campionato. 74-71 il finale.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi 5 articoli PS.COM